giovedì 10 maggio 2012

Bitten By The Rest Records | Nuove uscite.

Photobucket

Bitten By The Rest è un'etichetta molto attiva guidata da Vekki, conoscenza sempre ben presente all'interno della scena punk hardcore italiana. Su mia richiesta è stato così gentile da inviarmi le sue tre co-produzioni più recenti, e quindi sciroppatevi pure ciò che segue.
Foto sopra: You Suck.

You Suck | Shit Happens | 7"
Personalmente amo gli You Suck. Hanno una genuina attitudine hardcore con un bel vaffanculo marchiato a fuoco verso quello che non va in questa società in cui viviamo. 9 pezzi di velocissimo e a tratti melodico skate thrash core, con testi contro le persone noiose, le forze dell'ordine, contro chi abbandona la scena trincerandosi dietro al fatto che tutto è cambiato, contro l'alienazione delle 8 ore di lavoro... Immaginate un mix di What Happen Next?, Jfa ed Heresy con un'esaltazione totale per lo skateboard e la birra. I pezzi sono davvero ben suonati e la voce di Pulce è perfetta per il genere proposto. Caldamente consigliato, cosiccome il loro precedente lavoro, sempre in formato 7". P.s.: l'ultimo pezzo è una cover dei Gang Green, quindi siete avvisati...

Nis/Warpath | Origini D'Odio - Nel Dilagare Della Follia | 7"
I Nis di Bari (credo...) suonano un potente crust core dai testi oscuri e che si prestano a mille interpretazioni. Musicalmente sono veloci e pesanti e si vede che ci credono in quello che fanno. Dall'altro lato i Warpath di Alessandria (credo pure qui...), anche loro molto crust ma molto più metal rispetto ai Nis. Anche in questo caso l'attitudine non manca. Se vi piace il genere davvero consigliato.

Cusack | 7"
Non conoscevo minimamente i Cusack di Como, forse anche per via del fatto che ascolto quasi esclusivamente roba estrema e non frequento molto il giro. Comunque li ho scoperti assistendo ad un loro concerto qualche mesetto fa al Circolo Valverde di Forlì e ammetto candidamente di essermi comprato questo 7" e lo split con i Laser Geyser dopo essermi gustato la loro esibizione. Musicalmente parliamo di un post hardcore molto rockeggiante e quindi di conseguenza molto energico. I riferimenti possono essere gli At The Dtive In con un pizzico di Hot Water Music nei passaggi più tirati. Due pezzi suonati a meraviglia. Dal vivo sono bravissimi e sono stra consigliati.

http://bbtrrecords.wordpress.com/

Nessun commento:

Posta un commento