domenica 25 novembre 2012

I Like You Ok | Bright Stars, Blind Eyes | It's Raining Cats | Lp.

Photobucket

Che dire di questi I Like You Ok? Che sono semplicemente meravigliosi! Pensate ad un mix di New Found Glory, Lifetime, Promise Ring e tutto quell'emo pop che andava così di moda negli anni '90, et voilà, vi sarete fatti un'idea ben precisa. Melodia, cori, stacchetti, parti veloci... Non si fanno proprio mancare nulla questi giovani. 8 pezzi, 8 piccole perle, vinile limitato in 300 copie... Fossi in voi non me li farei sfuggire...

http://www.ilikeyouok.com
https://www.facebook.com/ilikeuok
http://itsrainingcats.it/

Photobucket

domenica 18 novembre 2012

Alberto "Charlie" Buttarelli (You Suck! | Drug Problems).

Photobucket
Ritornano le grandi interviste di ForthekidsXXX! Questa volta abbiamo scambiato quattro chiacchere con Charlie, frizzante 25enne che suona con You Suck! e Drug Problems, ha una serigrafia e si muove all'interno della scena skateboard. L'ho conosciuto sulle scale dell'Atlantide di Bologna prima di un concerto dei Drug Problems e subito sono rimasto piacevolmente colpito dalla sua simpatia e profonda dedizione in ciò che fa. Ok, bando alle ciance e gustatevi ciò che segue!

Charlie io comincerei subito col parlare un pò della tua attività di serigrafia. Come è nato il tuo interesse nello stampare magliette, come ti organizzi e se effettivamente riesci a viverci. L'avere una serigrafia è di sicuro un vantaggio innegabile quando si suona (come te) in gruppi e si organizzano concerti ed eventi di skateboard...
Ciao Paso, il mio interesse per la serigrafia è nato circa un paio di anni fa. Già allora non era una cosa del tutto nuova per me perché lavorando come grafico conoscevo già i processi che ci stanno alla base. Ho avuto poi modo di approfondire le mie conoscenze in diverse occasioni assistendo alla stampa del merch per gli You Suck!. Da li è stato un passo breve, motivato principalmente dalla voglia di sperimentare e di essere indipendente su tutti i fronti… oltre che dalla ricerca disperata di un passatempo capace di distogliermi dalla noia mortale tipica della giornate nebbiose della bassa. Qui d'inverno c'è la depressione totale, veramente. Nasce così la Handjob Prints, insieme a Luca (chitarrista in entrambi i gruppi dove suono), sotto forma di un laboratorio totalmente DIY allestito nella mia mansarda. Pian piano stiamo imparando diverse cose ed abbiamo iniziato a stampare maglie/toppe/felpe/borse/ecc anche per altri gruppi oltre che per i nostri. Di certo non nego che è un grosso vantaggio riuscire a stamparsi da soli tutto il merch. Vivere di Handjob per ora non è possibile e non credo lo sarà mai… lavoro ancora come grafico schiavizzato con contratto a progetto annuale e nel tempo libero serigrafiamo per passione. E' una cosa che mi piace parecchio, spesso ci rimettiamo dei soldi però alla fine di tutto è una grossa soddisfazione quando riesci ad ottenere risultati.

So che suoni negli You Suck! E Drug Problems. Puoi parlarci di questi due gruppi? Chi suona con te? Se un'ascoltatore non avezzo al suono hardcore ti chiedesse di elencargli le differenze fra i due gruppi, cosa gli risponderesti? E' piu' semplice trovare date per You Suck! o per i Drug Problems? Con You Suck! Avete inciso un paio di 7"... Ne sei soddisfatto? Quale ti piace di piu'? Sò che è in arrivo un flexi 7" il cui leit motiv sarà lo stress di tutti i giorni... Come è nata quest'idea? Come mai avete optato per un formato fighissimo come il flexi ma che secondo me non è mai stato sufficientemente valorizzato?
Esatto, suono il basso negli You Suck! e canto nei Drug Problems. Io, Luca, Pulce, Robby e Bestia siamo gli You Suck! mentre i Drug Problems, di recente formazione, sono composti sempre da me, Pulce e Luca (strumenti invertiti) con Igor in aggiunta. Gli You Suck! nascono nel 2010 (credo) e abbiamo avuto un cambio di formazione, dopo l'uscita del primo 7", che ha portato Pulce alla voce e Luca alla chitarra. Siamo uno di quei gruppi molto noiosi che suonano la solita roba skate thrash veloce, breve e rumorosa. Però suoniamo parecchio in giro e ci divertiamo un casino a fare i cazzoni quindi direi che sonomolto soddisfatto di questo gruppo! Ci dedico parecchio del mio tempo e delle mie energie. Abbiamo buttato fuori un paio di 7", un CD-R autoprodotto con 6 canzoni registrate male, una limited Tour Tap e nel 2011 e una versione in cassetta del nostro ultimo disco "Shit Happens" (il mio preferito fino ad'ora) contenente 2 canzoni aggiuntive rispetto al vinile. Abbiamo inoltre appena registrato 4 canzoni che finiranno su un 6" o 7" flexi one side in uscita a fine dicembre spero. Pulce ha scritto i testi in un momento particolare della sua vita dove lo stress e l'ansia erano il suo chiodo fisso. Per questo motivo il tema su cui ruota tutto il disco è quello e credo si sposi perfettamente con la frenesia dei brani. Potrei dirti che abbiamo scelto un formato come il flexi per ricercare un suono particolare ma sarebbe una balla quindi sarò sincero: ci siamo fissati con il Japcore, quello rumoroso e caotico, e da li la scelta per questo tipo di supporto. Ho un paio di compilation su flexi con gruppi hardcore jappo e mi fanno letteralmente impazzire. Le canzoni nuove sono state registrate da noi stessi in sala prove quindi ti lascio immaginare la gran qualità sonora di partenza. Vogliamo un Ep interamente prodotto da noi (incisione dei vinili a parte, ovviamente): dalla registrazione alla grafica, dalla realizzazione alla produzione. Posso anticiparti che il disco non uscirà su nessuna etichetta e stamperemo 250 copie. Abbiamo finito il master oggi e non vedo l'ora sia pronto.
I Drug Problems invece nascono nel luglio 2012 dalle ceneri degli Zio Faster e dal bisogno fisico di Pulce di suonare la batteria. Abbiamo fatto 3 concerti fino ad ora e presto registreremo un demo tape, ovviamente DIY in sala prove! Come musica siamo più vicini alle sonorità '80s di Washington DC, roba Dischord per intenderci…Minor Threat, Teen Idles, Skewbald, S.O.A. condite con una spruzzatina di Germs e surf punk che non guastano mai.
Differenze/similitudini tra i due gruppi? You Suck! più veloci e frenetici, Drug Problems più punk e chitarrini. Per quanto riguarda le date al momento ne troviamo maggiormente con gli You Suck! ma credo sia dovuto al fatto che siamo in giro da molto più tempo.

Come vedi la scena hardcore in Italia? Secondo me è viva e vegeta anche se molto spesso discutibili personaggi dalle ancora piu' discutibili attitudini cercano di far passare per hardcore ciò che in realtà e' metal di serie z con attitudini macho pistole tatuaggi colorati che secondo me non c'entran nulla con quello che dovrebbe essere hardcore in realtà...
Questa è sempre una bella domanda… Secondo me in Italia ci sono tantissimi gruppi validi e un casino di posti che tengono vivo lo spirito hardcore. Il brutal-metal-death-stocazzo-core macho di serie z con le pistole (sto ridendo un casino per la tua definizione) non mi attrae e non ha nulla a che fare con il punk e l'hardcore. Abbiamo avuto pessime esperienze suonando in certi club e da li è nata la decisione di non metterci mai più piede. La scena italiana ha per fortuna ancora punti di riferimento, come per esempio Atlantide a Bologna, dove i concerti spaccano davvero. Anche a livello di gruppi sono parecchi i nomi che non hanno nulla da invidiare alle scene estere. Ed, Minkions, Left in Ruins, Nido di vespe, Carlos Dunga, Alfatec, Slaughter in the Vatican, Kate Mosh, Attrito, Holy, Light up!, Crop Circles… ci sono un casino di gruppi validi insomma! L'elenco sarebbe troppo lungo. Le uniche osservazioni negative che posso fare sono che molto spesso ci capita di suonare negli stessi posti con gli stessi gruppi e che ci sia poca connessione tra nord e sud italia. Mi fa strano pensare che siamo stati più volte all'estero ma non siamo mai riusciti a scendere sotto la toscana con gli You Suck! Spero che in futuro ci sia più possibilità di girare anche al sud.

Nel circuito metal e in quello metal core, dove tutto si riduce al capello lungo, frange, ragazzine finto pin up e pose da decerebrati va molto di moda il pay to play, cioè pagare per garantirsi uno slot nei concerti di gruppi americani che purtroppo passano spesso pure dal nostro belpaese... Cosa ne pensi?
Ne ho sentito solamente parlare e per fortuna non ci è mai stata proposta una cosa simile. Solo l'idea mi irrita e non capisco come certi gruppi riescano ancora ad accettare queste condizioni. Suonare comporta tantissimi sacrifici che il più delle volte non vengono riconosciuti. Sono contento del circuito DIY di concerti dove ci si da una mano a vicenda e si cerca sempre di aiutare le band in tour o bisognose di date. Non trovo sensata l'idea di dover pagare per suonare con la band hype del momento. Come già detto, le esperienze spiacevoli in certi club (senza mai arrivare al Pay To Play) ci sono servite da lezione...

Torniamo un pò indietro e parliamo degli Zio Faster... Chi erano? Come mai si sono sciolti? Possibilità di rivederli insieme? Cosa hanno inciso?
Gli Zio Faster sono stati un gruppo Powerviolence formato da me, Pulce, Faso e Skizzo. Mi divertivo un casino a suonare la chitarra con loro! Siamo durati relativamente poco, due anni scarsi più o meno. Abbiamo inciso un demo (registrato da Luca "Orgia" Orzi) nell'attuale sala prove degli You Suck! registrato da noi su 50 cassette. Ne abbiamo ancora qualcuna in giro. Le mie preferite erano quelle con la custodia a tasca cucita con ritagli di bandana. Beh, ogni tanto ascolto ancora quella cassetta e ammetto che mi piacerebbe un casino fare una reunion! I suoni su quel demo sono davvero grezzi… rumore di fondo perenne, tutto completamente saturato! DO YOU THRASH? I DO!

Altra tua grande passione è lo skateboard... Quando hai cominciato ad interessartene? Cosa ne pensi di grandi marchi come Nike e Adidas che sono entrati prepotentemente in scena con super produzioni e una montagna di soldi? Non credi che cozzino un pò con lo spirito libero e selvaggio che lo skate dovrebbe avere? In poche parole: tu sei della scuola di Jay Adams o della scuola super patinata di Tony Hawk?
Iniziare a skateare è la cosa più intelligente che ho fatto nei miei 25 anni di vita! Chi mi conosce probabilmente (sicuramente) ne ha le palle piene di sentirmi parlare di skate, soprattutto Bestia… Sorry! Ho iniziato a skateare a 16 anni e se potessi tornare indietro inizierei molto prima. Conoscevo un amico che ci andava già da qualche mese ma non avevo mai dato troppo peso alla cosa, poi un giorno un ragazzo con cui stava mia sorella iniziò a passarmi mixtape con su Lagwagon, Satanic Surfers, Millencolin etc… Da lì il passo è stato breve: mi sono rotto il cazzo di giocare a calcio e di girare a caso in bici per la cittadina dove vivo, ho comprato una tavola ed ho iniziato. Tutto qua! Io ho sempre visto lo skate un po' a modo mio, non interessandomi mai a contest o sponsor. Credo che skateare sia molto simile al suonare in un gruppo: ci metti tutta l'energia possibile, ti fa conoscere persone e ti spinge a vedere posti nuovi, è un motivo per cui svegliarsi alla mattina. Ammetto di aver avuto un paio di Nike ma credo che il problema più che il marchio in se sia la visione dello skate come "Sport". Lo skateboard non è uno sport e come giustamente dici tu è selvaggio, è nato nelle strade e li dovrebbe rimanere. Gli X-games mi fanno schifo, io voglio grindarmi le panchine per strada e fare dei Cocu-grab dappertutto.
P.S: Non dimenticarti che vengo a trovarti a Cesena nel prossimo skate trip estivo. Skateata, mare e Veg Piada come da accordi. Affare fatto? (Certo che sì!!! ndr).

Sempre inerente allo skateboard: ogni anno organizzi un contest che poi in realtà è una grande festa. Come si chiama? Puoi parlarcene un pò? E' difficile organizzare il tutto? Ma soprattutto: perchè lo fai?
Se ti riferisci allo Skatemerda ti chiedo… come fai a conoscerlo? (Sono onniscente ahahahaha, ndr) Ahahah, è nato tutto da un'idea stupida che le nostre menti malate hanno trasformato in realtà. Ebbene si, insieme ad altra gentaglia annoiata e poco raccomandabile abbiamo organizzato già 2 edizioni di questo "skate party". Ogni anno costruiamo strutture DIY nuove sulle quali si svolge la "gara" in amicizia. Come si può dedurre dal nome è tutto fuorché una cosa seria: protagonista della giornata è la merda (si, vera!) che viene sparsa sulle rampe e in giro per lo skatepark, i premi sono delle stronzate imbarazzanti, le categorie premiate sono vergognose, il bar è allestito nel baule della macchina di qualcuno a caso e il concerto illegale abusivo avviene per nel campo da basket adiacente allo skatepark. Fino ad ora non abbiamo mai avuto problemi con sbirri o robe simili e speriamo non ci capiti mai… anche se ammetto che sarei curioso di sapere cosa direbbero vedendo gente saltare con gli skateboard nella merda.
La realizzazione delle rampe comporta una certa difficoltà organizzativa e richiede un discreto impiego di tempo ed energie però alla fine lo facciamo mega volentieri. Un altro aspetto organizzativo difficile riguarda il concerto ed i gruppi. Vorremmo chiamare più gruppi a suonare e soprattutto provenienti da altre parti del paese ma purtroppo essendo tutto totalmente gratuito non abbiamo soldi per dare i rimborsi necessari.
Il motivo principale alla base di tutto ciò è sicuramente il divertimento ma ci piace organizzarlo anche per proporre un'alternativa ai soliti contest da rapper modaioli sponsorizzati che lo skate business ha imposto. Non ci sono trick belli o brutti, allo skatemerda ognuno fa il cazzo che vuole.

Con You Suck! avete fatto qualche tour in giro per l'Europa. Come ti è sembrata la situazione? Differenze a livello di organizzazione e partecipazione? Quali sono i posti che ti sono piaciuti di piu' e quelli che ti sono piaciuti di meno?
Andare in tour è l'aspetto che preferisco del suonare in un gruppo. Ogni volta che andiamo via non vorrei mai tornare! Fino ad ora di cattive esperienze non ne abbiamo avute (a parte la Multipla di Luca Orgia che inizia a perdere qualche colpo) e quindi non c'è nessuno posto del quale ho ricordi negativi. Ci sono stati momenti di disagio estremo in Ungheria l'anno scorso quando, dopo il concerto, il Pub dove abbiamo suonato si è riempito di "spingitori" (ovvero i pusher… Pulce mi prende per il culo da 2 anni perchè ho detto così ad un tipo all'estero che giustamente non capiva) e persone losche. Abbiamo dormito lì dentro su divanetti "diversamente comodi", chiusi a chiave dall'esterno dal padrone del bar (un tizio epic metal che non conosce assolutamente il significato della parola "puntualità") tra bottiglie rotte, nebbia di fumo passivo, sbocco e piscio. Lo rifarei subito però! Che bomba!
Credo che la Serbia sia stato il posto che più mi ha colpito. Sinceramente non sapevo cosa aspettarmi anche perchè non c'ero mai stato prima in vita mia. Non avevo la più pallida idea di come potesse essere un concerto punk lì. Purtroppo a volte è difficile passare la frontiera con la strumentazione a dietro ma a noi per fortuna è andata bene. Tre concerti in tre città suonando in 2 piccoli bar e in una scuola. La gente impazzisce ai concerti, persone ospitali e sincere, senza menate di moda e senza puzza sotto il naso. Nelle cittadine/paesi della Serbia di concerti non se ne vedono molti e passano quasi solo "grupponi grossi" da Belgrado. Per i ragazzi è difficile muoversi molto perchè il costo della benzina è elevato rispetto agli stipendi e dunque c'è molta informazione tramite web. Abbiamo anche avuto il piacere di conoscere persone che si sbattono per dare una mano nel sociale aiutando, ad esempio, donne e bambini con problemi di maltrattamento in famiglia. Consiglio davvero a tutti i gruppi di fare almeno un paio di date in Serbia, è decisamente sottovalutata e ne vale la pena!
Mi dispiace doverlo dire ma credo che, salvo qualche eccezione, l'organizzazione all'estero (soprattutto in Germania e Svizzera), sia più avanti rispetto alla nostra…

Credo ancora che i posti occupati in generale siano fondamentali affinchè una certa cultura possa resistere. Però è anche vero che molto spesso molta gente è piu' impegnata a sfasciarsi di alcol e droghe piuttosto che guardare i gruppi che suonano o informarsi sulle attività del posto. Che opinione hai in merito?
Se non ci fossero certi posti attivi non avremmo alcuna possibilità di mantenere viva la cultura indipendente e di conseguenza anche la scena hardcore DIY. Come detto prima, è sempre più diffuso lo stereotipo di gruppo pettine da locale figo con ingresso a 25 € e quindi centri sociali, squat e ambienti autogestiti sono indispensabili per chi ancora oggi ci crede veramente. A volte è brutto vedere che nonostante gli sforzi organizzativi molta gente resti fuori non interessandosi a concerti/attività in corso ed è capitato anche a noi in Croazia. Non vi era servizio bar e quindi nemmeno la vendita di alcolici e di conseguenza tutti hanno preferito restare fuori e bere i drink portati da casa piuttosto che supportare i gruppi. Non è una bella cosa però non capita troppo spesso per fortuna.

Com'è suonare e uscire con un tipo iper attivo e a molla come il Pulce? L'avergli dato il benvenuto negli You Suck! e aver dato vita ai Drug Problems ha portato dei cambiamenti nel vostro modo di comporre i pezzi e di suonare in generale?
Ahahaha quel tipo è pazzo! Completamente! Pulce se ne intende a manetta di musica, spacca come cantante, ha un tiro pazzesco alla batteria (e fa il blast beat vero, non quello fake con i colpi di cassa merdosi) oltre ad avere un carisma incredibile. Cazzo, si rotola e fa le capriole sul palco mentre canta! Suonare con lui ha cambiato parecchio il mio modo di comporre/suonare. Abbiamo una forte amicizia che ci lega e c'è un bel feeling tra di noi anche se non nascondo che ci vuole davvero una pazienza infinita con lui… vero Pulce?!?mh?

Anche se tu non sei di Parma (ma ci abiti vicino) volevo chiederti: a tuo parere il fatto che il nuovo sindaco sia del Movimento Cinque Stelle ha effettivamente cambiato qualcosa? Certo che se un comico fonda una lista e si mette a far politica, non credo che le cose vadano troppo bene...
Abitando a 25 Km da Parma e andandoci poche volte per lavoro non sono pienamente informato sulla situazione ma di cambiamenti effettivi, a dire il vero, non ne ho avvertiti molti… Comunque ti cito parte di un testo tratto dal disco che sto ascoltando proprio ora (D.S.-13 - Killed by the kids) "We hear your promises but we know that it's just lies…Lie, lie, lie! LIAR, LIAR!". Al momento credo proprio sia così e che in questo casino ci stiano prendendo tutti per il culo…

Ok ho concluso! Aggiungi pur ciò che vuoi e grazie!
Beh, grazie a te per l'intervista! Non ne avevo mai fatta una da solo! Continua a portare avanti il blog perchè spacca tutto! Se ci sei sabato ci si vede a Bologna! (Ci siam visti eheheh, ndr.) A presto Paso!

martedì 13 novembre 2012

Shizune | Mono No Aware: Between Eternity And The Burial | Digital Album | Autoprodotto.

Photobucket

Non sono un grande fan del genere, ma questi Shizune a conti fatti non sono malaccio. Screamo post hardcore ben suonato ed eseguito, testi criptici e un bel pò di malessere addosso. Se dovessi azzardare un paragone oserei dire i La Quiete, che credo molti di voi conosceranno. Non sò se questi pezzi siano disponibili in formato cd o vinile, ma se seguite il link qui sotto potrete ascoltarveli in streaming, acquistare il tutto per la modica cifra di 0.50 centesimi di euro oppure scaricare il tutto gratis. Meglio di così, che volete? Bravi ragazzi!

http://shizune.bandcamp.com/

Photobucket

Left In Ruins | Breathless. Restless. Hopeless. | EP | Aim Sight Down Records.

Photobucket

Ohhh questi mi son proprio piaciuti. Avevo sempre sentito parlare dei Left In Ruins, ma non avevo mai avuto modo di sentirli o vederli dal vivo. Bhè, ci sanno fare questi trentini. Un hardcore moderno e urlatissimo, tempi veloci che si alternano a stacchi devastanti. 7 pezzi suonati in maniera perfetta e che si avvalgono di una regstrazione a puntino. Io ve li consiglio vivamente, non credo che ne rimarrete delusi.

Photobucket

Kompost | Demo 2012 | Autoprodotto.

Photobucket

I Kompost sono un giovane gruppo proveniente da Treviso che si professa fan del mio blog e la cosa mi fa molto piacere. Bene, cosa suonano i nostri? Crust hardcore venato di d-beat, scuola Discharge e Inepsy per intenderci. I pezzi sono molto ben realizzati, purtroppo nel genere l'originalità non è di casa, ma i nostri ci sanno fare. Testi in italiano assolutamente pessimisti dal punto di vista delle aspettative, ma d'altronde con i tempi che corrono non mi stupisco piu' di tanto. Se vi piace il genere sono molto consigliati. Se non vi piace il genere continuerà a non piacervi eheh...

http://necessitohc.com/index.php?page=kompost_demo2012#anchor

lunedì 12 novembre 2012

Minus Tree | Change | Lp | Overdrive Records.

Photobucket

Mi riporta indietro alla metà degli anni '90 questo disco dei baresi Minus Tree. Post hardcore venato di screamo, suoni taglienti e compressi. 7 pezzi di molto ispirati e davvero ben suonati. Leggo dalla bio che hanno suonato parecchio in giro, tra Inghilterra ed est Europa. Addirittura hanno rilasciato due ep ed uno split, quindi molto attivi. Si sente che credono in ciò che suonano e questo gli fa acquistare ulteriori punti. L'lp esce il 12 dicembre e dall'anteprima che ho potuto vedere, mi sembra davvero ben fatto. Limitato (per ora) in 300 copie (di cui 100 in vinile verde trasparente per i feticisti come me ahahahahah), vi consiglio caldamente di farlo vostro. D'altronde non è che ci siano, almeno in ambito italiano, tanti gruppi che propongono questo tipo di suono. Promossi a pieni voti!

www.over-drive.it

Photobucket

domenica 4 novembre 2012

LoveHate80: Italian Punk Hardcore | Official Trailer.

"Le origini dell’hardcore punk in Italia. Le città e i centri nevralgici. L’autogestione, i posti occupati, la politica. L’autoproduzione, le cassette a nastro e i dischi in vinile. Le fanzine e il passaparola antagonista. I concerti, i raduni, le manifestazioni. Le etichette indipendenti. Gli scontri, la violenza, gli eccessi, le droghe. Il rapporto conflittuale tra punk e stampa, i quotidiani e le riviste di costume. L’inizio, l’apice e il declino delle grandi band degli anni 80. In uscita nel 2013. Dopo la fine del mondo."



LoveHate80 farà uscire il film sulla scena hardcore italiana che è bruciata tra il 1980 ed il 1989. Interviste e spezzoni di concerti con gruppi come Indigesti, Wretched, Negazione, Raw Power, Upset Noise e tanti altri. Qui a Forthekidsxxx non vediamo l'ora di vederlo. Uscita prevista: 2013 (sperando che il mondo non finisca prima!).

www.lovehate80.it