mercoledì 2 ottobre 2013

Strikedown Records.

Rise After Defeat | Adrift | Lp.
Assolutamente mortali. I sardi Rise After Defeat, dopo un paio di Ep, un demo e due tour europei, approdano sulla lunga distanza del full lenght. Il gruppo si muove sul terreno di una commistione fra hardcore, sludge, stoner e metal, con risultati assolutamente di tutto rispetto. L'impatto sonoro è mostruoso, il riffing è gelido ma allo stesso tempo capace di trasmettere il nero dell'oscurità che piomba addosso. Se vi piacciono i suoni alla Rise And Fall e The Secret, fateli vostri. Senza dimenticare che sul tutto aleggia lo spirito di Discharge, Entombed e Integrity.
www.riseafterdefeat.com




Curse The Ocean | Light Bringer | Lp.
Davvero interessanti questi Curse The Ocean, che si dividono tra Cagliari e Francoforte. Il genere suonato è una commistione di hardcore e black metal, su cui aleggia un senso di oppressione, pesantezza ed oscurità che conferisce spessore al tutto. Tecnicamente preparatissimi, sanno portare l'ascoltatore su terreni impervi, dove non c'è alcuna luce ne speranza alla fine del tunnel. Anzi, c'è solo il vuoto più assoluto immerso nell'oscurità senza fine. Disgusto puro. Consigliatissimi.
www.cursetheocean.com





My Own Prison | Finisterre| Ep.
Altro gruppo proveniente dalla Sardegna, ma questa volta con un tiro decisamente diverso. Hardcore sparato a mille, zero influenze metal, ma solo passione, energia e dedizione. Un Ep decisamente iaspirato quello inciso dai My Own Prison, che ci ricorda molto da vicino gruppi come gli svedesi Raised Fist. Decisamente un gruppo da tenere d'occhio.
My Own Prison | Bandcamp







Blame It On The Ocean | From The Depths | Lp.
Altro centro per Strikedown Records. Questa volta siamo ad Udine (ma il disco è stato registrato allo Studio 73 di Ravenna) con gli Blame It To The Ocean. Hardcore pesantissimo e oscuro, figlio di gruppi come Converge, Rise And Fall, Ringoworm, Integrity e tutto il filone Holy Terror (a parte i Converge). Oscurità, marciume e nessuna speranza la fanno da padrone. 9 pezzi ad altissimi livelli, assolutamente deflagranti e devastanti. Fate vostro questo disco, non ve ne pentirete.
Blame It On The Ocean | Bandcamp

www.cultofstrike.com

Nessun commento:

Posta un commento