domenica 2 marzo 2014

Robert Voogt (Commitment Records).


Commitment Records è una delle prime etichette europee con la quali venni a contatto a metà degli anni '90, poichè rilasciò un live 7" degli Youth Of Today, che per me sono sempre stati un gruppo culto. A dire il vero avevo perso un pò la speranza di ricevere le risposte a questa mia intervista, ma, dopo un anno e mezzo di attesa, Robert me le ha inviate. Per chi non lo sapesse quest'ultimo è il fondatore di quest'etichetta straight edge olandese, che produce solo 7" dal 1996. Con lui abbia parlato di monarchia olandese, Youth Of Today, Chain Of Strength, Larm, Manliftingbanner, crisi e conomica e di quanto sia difficile vendere dischi in questo periodo!

La prima cosa che ti vogliamo chiedere è di parlarci della sotto etichetta della Commitment Records, ovvero Royal Blood, tramite la quale hai fatto uscire un cd compilation con numerose band. Il tutto per contrastare il concetto di monarchia. Puoi spiegarci l'idea dietro essa e se ci saranno altre uscite?
L'idea di far uscire una compilation contro la monarchia è venuta fuori dal matrimonio tra il principe della corona olandese e una ragazza argentina. Lei è la figlia del segretario di stato nel governo Videla, una dittatura che ha governato l'Argentina durante gli anni '70 e in parte negli anni '80. Questo dittatura di destra è stata responsabile dell'uccisione di almeno 30.000 attivisti di sinistra e di altre persone che criticavano questa dittatura. E' un tipico esempio del tipo di persone con le quale la corona olandese ama mescolarsi. Ci sono molte altre cose sbagliate connesse a questa famiglia, come il fatto che siano dei fanatici cacciatori, che amino vestirsi con pellicce e che il padre della regina si sia fortemente arricchito con affari poco leciti. La cosa ancora più sbagliata è che il padre della regina utilizzi i medesimi metodi attuati durante gli anni della ditattura e che la figlia non abbia mai detto che i comportamenti tenuti dal padre durante gli anni della dittatura di Videla fossero assolutamente sbagliati. Come penso che la monarchia sia un qualcosa di sbagliato, che non appartenga al concetto di democrazia (le persone dovrebbero acquisire una posizione in base alle proprie qualità e non in base al fatto che siano nate in una determinata famiglia), penso anche che questo matrimonio (pagato con le tasse dei cittadini, mentre la famiglia reale nuota nei soldi) fosse un buon momento per parlar chiaro contro la monarchia. C'è sempre stata la tradizione, da parte della scena punk olandese, di prendere posizione contro la monarchia durante gli anni '80, come quando Beatrice (madre del principe incoronato) fu incoronata, portando alcuni gruppi punk olandesi ad incidere canzoni contro la monarchia e fomentando anche grande rivolte. Il cd ha suscitato interesse da parte della stampa olandese, il che è stata una buona cosa. E' uscito nei primi giorni del 2002, un pò prima del matrimonio che si è tenuto nel febbraio dello stesso anno, e da quell'anno non ci sono state altre uscite sotto Royal Blood. Lo scorso anno Beatrice si è dimessa e suo figlio è stato incoronato nuovo re. Per un momento ho preso in considerazione l'idea di dare vita ad una nuova uscita sotto Royal Blood, per criticare ancora una volta la monarchia, ma alla fin fine ho deciso di non farlo. Sebbene io sia sempre contro la monarchia, ho pensato che non fosse un buon momento per attaccarla nuovamente. Ci sono state alcune tragedie all'interno della famiglia reale, come per esempio il fatto che il fratello del re sia finito in coma per poi morire in seguito ad un incidente mentre stava sciando. In più penso che Beatrice fosse diventata molto più moderata durante gli ultimi anni del suo regno. E' conosciuta per le sue prese di posizione contro il PVV, un partito anti-islamico di destra che è diventato molto forte in Olanda, e lo dimostra nei suoi discorsi. Anche il fatto che si preoccupi della solidarietà fra i vari gruppi sociali in Olanda è una cosa che sta dimostrando molto di più ora rispetto al passato. Quindi Royal Blood al momento è inattiva, ma non è impossibile che un giorno possa far uscire qualcosa di nuovo tramite essa.

Commitment Records è attiva dal 1996. La prima uscita è stato il 7” degli Youth Of Today registrato live durante il loro tour del 1989. Perchè hai deciso di far uscire un set live di questa leggendaria band? Hai potuto vederli durante quel tour? Cosa ne pensi delle loro recenti reunion? Come è stato lavorare con loro e come sei venuto in contatto?
Sì, ho visto gli Youth Of Today in quel tour. Sono stato al concerto alla Van Hall, che è stato documentato su quel 7”. E' stato un grande concerto, uno dei miei preferiti di sempre. Anche se il gruppo non fu particolarmente esaltante dal vivo (il concerto fu un pò caotico e Ray non cantava metà delle parole dei testi), fu bello per via dell'ottima atmosfera e di tutta l'energia sprigionata dalla band e dal pubblico. Il mio amico Marc, che ora è il chitarrista dei Vitamin X, registrò il concerto sul suo walkman (in un'epoca in cui registrava quasi tutti i concerti a cui partecipava, infatti ha una collezione di cassette live molto grossa) e me ne diede una copia. Mi piacquero davvero molto quelle registrazioni e stavo già pensando da parecchio tempo di farle uscire come 7”. Quando nel 1994 la scena positive straight edge risorse, mi ispirò talmente tanto che decisi di mettere l'idea in pratica. Fu veramente semplice lavorare con gli Youth Of Today perchè non li contattai affatto. Pensai di mettermi in contatto con loro, ma qualcuno tra i miei amici mi disse che molto probabilmente per avere il loro permesso mi avrebbero chiesto dei soldi che sarebbero stati impiegati nel movimento Krishna, così decisi di non interpellarli. Non è realmente un bootleg, perchè pagai il copyright e tutto il resto; solamente non li contattai per informarli della cosa. Guardandomi indietro avrei fatto meglio a mettermi in contatto con loro, così molto prababilmente sarebbero stati daccordo e in ultimo, avrei potuto mandargli qualche copia. Più tardi Ray mi mandò un email dicendomi che il 7” gli era piaciuto ma che non gradì il fatto di averne dovuto acquistare una copia invece di riceverne un pò gratis. All'epoca dei fatti il 7” era esaurito, così mi fu impossibile mandargliene delle copie. Eì stato un errore dal quale ho imparato. Per ciò che riguarda le loro reunion, ho assistito alla prima (quella di fine anni '90 primi anni 2000), ma non è stato come vederli negli anni '80. Non sono per le reunion. Posso immaginare che è carino farle per i membri coinvolti per cercare di rivivere parte della loro gioventù, ma piuttosto preferisco andare a vedere una nuova band, con membri giovani che sono 100% addentro ai testi che cantano. L'hardcore dovrebbe rimanere attinente all'oggi, e non divenire invece una cosa nostalgica.

Sono passati molti anni da quando la tua label è stata fondata. Cosa ne pendsi dell'hardcore dei giorni nostri? E' cambiato rispetto ai '90 e e agli '80? E' più difficile oggi vendere dischi?
Per cominciare con l'ultima parte della domanda: oggi è infinitamente più difficile vendere dischi. Quando tutto è partito nel 1996, potevo facilmente smerciare 1000 copie. Oggi ne stampo 400 e ho difficltà a venderle tutte. Qualche volta ho la sensazione che i ragazzi spendano molto di più per magliette e affini piuttosto che nei dischi, il che è totalmente differente rispetto agli anni '80. I dischi venivano prima e sì era bello avere qualche maglietta dei gruppi che ti piacevano di più, ma non era così importante. Oggi invece l'immagine è diventata molto più importante, con vestiti hardcore, tatuaggi e piercing. E' una cosa nella quale non sono addentro. La scena negli anni '80 era anche molto più politicizzata. L'80% dei ragazzi che frequentavano il giro hardcore erano dentro (a sinistra) la politica, che fu anche parte della mia attrazione verso esso. Naturalmente c'è ancora connessione fra l'hardcore e l'azione politica come gli squat, i diritti animali, il vegetarianesimo, I diritti umani, l'anti razzismo/fascismo, ma il gruppo di ragazzi che è realmente politicizzato sembra essere molto più piccolo rispetto agli anni '80. Credo i tempi siano differenti. Forse ora, con la crisi economica e tutto il resto , il risorgere dei partiti di destra, le persone cominceranno a prendere maggiore coscienza del prendere una posizione politica e anche del cercare di fare qualcosa nei confronti di tutte quelle cose sbagliate che ci sono in questo mondo.

Kid Armor.

Qual è stata la miglior uscita sulla tua etichetta? La peggiore?
Quella per me che sarà sempre speciale è il box set “More Than X On Our Hands”, sulla quale ho lavorato per quasi due anni, raggruppava 41 band straight edge da 41 differenti paesi, anche per via del design e del libretto. Anche se musicalmente sono sicuro che non sia la miglior cose fatta uscire su Commitment visto che non tutti i pezzi sono delle hit, è anche vero che l'intento finale non era quello. Sono ancora contento di gran parte dei dischi che ho fatto uscire. Per ciò che riguarda il peggiore, mi piacciono ancora tutte le uscite. Ovviamente alcune sono venute meglio di altre, ma non credo che etichetterei nessuna delle mie release come “cattiva”. Sono stato molto felice di aver fatto uscire il 7” dei Kid Armor, perchè sono davvero tra i migliori gruppi hardcore che abbia sentito negli ultimi anni. Addirittura se fosse uscito negli anni '80, sarebbe stato di sicuro considerato un classico. Bhè, alla fin fine da me... Ehehehe!

Sembra che lo straight edge oggi non sia più figo come una volta (come dissero gli Outspoken diversi anni fa...). Molti lo abbandonano e sembra che la quasi totalità delle persone che lo sono ancora siano solo interessate alla parte modaiola... Cosa ne pensi? Possiamo chiamarlo ancora un “movimento”?
Non credo che siano molte differenze tra oggi e gli anni '80/'90. Anche a quei tempi c'erano persone che lo abbandonavano in continuazione. L'unica differenza che vedo è che non ci sono più ragazzi giovani interessati allo straight edge, almeno qui in Olanda, rispetto agli anni '90, dove ce ne erano a centinaia. Il fatto che abbiamo ancora degli straight edgers in Olanda è dato dal fatto che molte delle vecchie crew sono ancora in giro (in una maniera o nell'altra) e sono ancora straight edge. Molto probabilmente ci sono molti più over 30 straight edge che meno che trentenni. Lo straight edge è un movimento? Penso che in una certa maniera lo sia. Forse non è molto ben organizzato, ma sento che c'è una connessione con gli altri straight edgers a livello globale e sento ancora che l'esserlo ci distingue dagli altri, rendendoci fratelli e sorelle. Forse non è realmente possibile parlare dello straight edge come scena, essendo esso ancora parte della scena hardcore/punk, specialmente ora che non è più così popolare come un tempo, e questo è un bene. Non c'è nessuna ragione di doversi separare dagli altri hardcore kid, perchè alla fin fine, siamo tutti parte della stessa scena. Cosa penso della moda nello straight edge credo sia chiaro dalle mie precedenti risposte. Per essere hardcore non devi indossare magliette straight edge o di gruppi o avere tatuaggi e piercing. Ciò che è importante è la tua attitudine, essere aperto di mente, critico, prendere posizione, provare a cambiare le cose in meglio, e farlo da solo. Questo è ciò che l'hardcore o il punk è per me. E ascoltare musica rumorosa, naturalmente!

Leggendo la sezione “Faq” del sito web della Commitment Records, tu hai un lavoro regolare al di fuori della label. Come lo combini co0n l'etichetta? Gli dedichi tutto il tuo tempo libero oppure, dopo tanti anni passati a lavorarci sopra, hai raggiunto una sorta di routine?
Lavoro 4 giorni a settimana, e svolgo il lavoro della label soprattutto nei miei giorni liberi e durante i weekend. Coscientemente ho deciso di mantenere la label su una scala piccola, facendo uscire pochi dischi all'anno, escludendo gli album e i cd, in modo tale che sia facilmente gestibile senza impiegarci tutto il mio tempo libero. La maggior parte delle email (e delle interviste) viene sbrigata mentre viaggio in treno (ci sto sopra tra le 2 e le 2 ore mezza per quattro giorni, quindi ho molto tempo per scriverle), così non devo sbrigarle mentre sono a casa, potendo invece concentrarmi sul fare i pacchi, organizzare la distro e fare un pò di promozione tramite internet.

(Piccola premessa: qui ho fatto un errore madornale... Credendo che l'etichetta Crucial Response fosse olandese, ho chiesto a Robert di spiegarci in che rapporti sono... Peccato che l'etichetta in questione sia tedesca... Robert ha voluto che non tagliassi la domanda perchè ha trovato la cosa molto divertente ahahahah, ndr). Per ciò che riguarda la scena olandese, volevamo chiederti se ci sono nuove fanzine, band ed etichette. Cucial Response viene anch'essa dall'Olanda. Sei in contatto? Hanno fatto uscire dei grandi gruppi come Mainstrike, Onward, Sportswear...
Da quanto ne sò io l'Olanda non ha ancora conquistato la Germania e di conseguenza la Crucial Response Records è ancora tedesca... Eheheh... E sì, è una grande etichetta. Ho la gran parte delle loro prime uscite. Non sono realmente informato su quelle nuove, ma ho sentito qualcosa a proposito di una compilation che faranno uscire a breve (mentre leggerete queste righe sarà già uscita da un pò, ndr), quindi sono ancora molto forti. Non sono in contatto con Peter (capo della label, ndr), ma sò che è un ragazzo molto gentile e dedito alla causa. Specialmente i Mainstrike sono una grande band, una delle migliori espressione dell'hardcore olandese (oltre a BGK, Larm e Vitamin X, giusto per citare altri classici gruppi hardcore del mio paese). Puoi darci qualche dritta sui nuovi gruppi della scena hardcore olandese?
Non credo di essere la miglior risorsa per conoscere cosa accade nella scena olandese in questi giorni, perchè a malapena vado a vedere concerti. Sò che ci sono ancora alcune band fighe come Clear X Path che hanno appena buttato fuori un 7” tramite Commitment e Echoes, che sono formati da alcuni veterani dell'hardcore e che spero registreranno un album a breve. Loro ed i Vitamin X sono le uniche band straight edge in Olanda attualmente. E' pieno di ottime hardcore band, alcune in giro da un pò, come The Shining e Citizens Patrol. Faresti comunque meglio a chiedere ad una persona più giovane di me che è coinvolta nella scena per sapere cosa succede di nuovo.

Critical Point.

Il tuo paese è famoso per aver dato i natali ad una delle band più veloci del pianeta terra, ovvero i Larm, che io amo molto. Ti piacciono? Hanno pure dei gran testi...
Sono completamente daccordo con te! I Larm sono state una delle prime straight edge band che abbia conosciuto. Ricordo che comprai il loro primo 7” nel 1986 appena uscito. Acquistati pure il 7” dei Crippled Youth, e questi due 7” mi hanno introdotto allo straight edge. Non ho mai sentito il bisogno di bere fumare o di usare droghe, quindi ero già straight edge senza saperlo! Quando realizzai che c'erano altre persone come me all'interno della scena hardcore, mi fu di grande ispirazione. Sono molto felice di aver potuto vedere i Larm alcune volte dal vivo fra il 1986 e il 1987, grandi anche dal vivo! E' bello vedere che sono ancora in giro!

Un'altra leggendaria band proveniente dal tuo paese sono I Manliftingbanner. Credo che I loro nuovi pezzi siano davvero belli e anche a livello di testi non sono da meno...
Ad esser sincero, devo ancora ascoltare i pezzi nuovi, ma sono sicuro che sono grandi. Questo gruppo, e i ragazzi che ne sono coinvolti, non hanno mai sbagliato un colpo! Di solito non sono un grande fan delle reunion, ma loro sono sempre rimasti all'interno dell'hardcore, e siccome i Seein Red hanno dovuto fermarsi per problemi all'udito da parte del bassista Jos (l'unico membro dei Seein Red che non suonava nei Manliftingbanner), Michiel e Bart volevano suonare ancora, capisco perfettamente perchè sono tornati assieme. Il fatto poi che abbiano registrato dei nuovi pezzi mi fa vedere il tutto non come una reunion ma come una band riformata, il che è differente, poichè non si tratta solo di nostalgia nel voler suonare i vecchi brani, ma la cosa più importante che sta alla base di questo riformarsi è che hanno ancora un messaggio da condividere. Quindi è un'ottima cosa averli ancora qui! In ogni modo ascolterò i nuovi pezzi.

Stiamo sperimentando la peggior crisi economica da quando l'Europa è diventata unica. Cosa ne pensi?
Bene, sta dimostrando cosa il sistema capitalistico ci sta portando. La natura avida delle persone si sta mostrando in maniera chiara e a ha causato la crisi economica. Per me, è ancora un chiaro esempio di come l'unica soluzione ai problemi che dobbiamo fronteggiare oggi (non solo economici, ma anche sociali e spirituali) sia quella di gettare via le catene del capitalismo e del consumismo e di capire che ciò che è realmente importante nella vita non puoi essere comprato col denaro. Questo sistema economico si autodistruggerà alla fin fine portandosi dietro l'umanità e la terra, se non scegliamo un'altro corso in fretta. Per la maggioranza degli esseri umani cresciuta nell'ordine capitalistico mondiale (anche le persone che sono cresciute nei cosiddetti paesi socialisti, in quanto si tratta di capitalismo di stato) non sarà semplice scegliere un'altra strada, ma dobbiamo farlo se vogliamo dare una possibilità all'umanità e alla terra di avere un futuro. Quanto difficile sia fare ciò è anche chiaro che io stesso mando avanti un'etichetta. Contribuisco al capitalismo e al consumismo. La mia sola speranza è che il messaggio dei gruppi che faccio uscire tramite Commitment Records possa aiutara le persone a realizzare qualcosa per il cambiamento. Quello che dovrebbe essere centrale nella nostra vita sono le relazioni non solo con gli altri esseri umani, ma anche con gli animali ed il mondo in generale. Realizzare che tutte le persone sono fratelli e sorelle, che veniamo tutti dalla stessa scintilla che ha portato l'universo ad esistere, dovrebbe essere il primo passo importante. Imparare a capire chi realmente siamo, il connetterci ancora con la nostra spiritualità, dovrebbe essere il prossimo passo. Se riusciamo a trovare questa connessione tutto il resto verrà di conseguenza e potremo vivere in armonia con gli altri su questa terra. Se questo non dovesse accadere e continuiamo a credere di essere differenti, migliori e più importanti rispetto agli altri, non credo che l'umanità sopravviverà.

Recentemente I Chain Of Strength si sono riuniti per qualche concerto e hanno ristampato le loro famose magliette con la X nel logo pur non essendo più straight edge. Cosa ne pensi?
I Chain Of Strength sono stati davvero un gran gruppo, ho consumato i loro due 7” che uscirono sul finire degli anni '80. Ma quello era ieri, e adesso è oggi. Ottimo che stiano ancora suonando, credo si stiano divertendo. Non la prendo molto seriamente, per me sono solo dei ragazzi che suonano musica, non vuol dire nulla per me. I pezzi sono ancora grandi, molto probabilmente sono musicisti migliori di quanto lo fossero negli '80, ma l'hardcore non c'entra nulla con l'essere grandi musicisti. L'hardcore dovrebbe provenire dal cuore, se non lo è l'energia è andata, perdendo l'ispirazione divenendo solo mero intrattenimento. Come ho già detto, non posso prenderli sul serio e non credo lo stiano facendo pure loro, quindi non mi stupisce il fatto che stiano vendendo magliette con simboli che hanno un preciso significato che a loro non interessa più. Che significato ha cantare “True Till Death” quando non lo vivi? Per ciò che mi riguarda io passo, preferisco focalizzare la mia attenzione su nuovi gruppi, che credono realmente in ciò che cantano. Ho finito! Grazie mille del tuo tempo e se vuoi aggiungere qualcosa fallo pure!
Grazie a te Marco per l'intervista e scusa per l'averti fatto aspettare tanto| Per avere informazioni su Commitment Records visitate il sito web, la pagina di Facebook. Se volete ascoltare le mie release, utilizzate il Bandcamp. Se volete acquistare qualcosa, date un'occhiata al Big Cartel.

Commitment Records | Website
Commitment Records | Facebook
Commitment Records | Bandcamp
Commitment Records | Big Cartel

Nessun commento:

Posta un commento