martedì 23 giugno 2015

One Day In Fukushima | Demo 2015 | Autoprodotto | Demo.

Questo è il grind core che piace me: vecchia scuola, essenziale e senza fronzoli. Se poi aggiungete il fatto che i nostri piazzano qua e là degli ottimi e purulenti riff death metal e in chiusura pure una bella presa per i fondelli a quel pagliaccio vestito di bianco che siede al soglio pontificio (con una classicissima hardcore song), bhè, il mio apprezzamento raggiunge il massimo. Pezzi brevi (tranne "La Giustizia Degli Spaventapasseri", che poi il brano più elaborato del lotto), devastazione a go go, tanto sarcasmo ed una copertina che mostra in che immondezzaio ci tocca vivere quotidianamente. Promossi a pieni voti! P.s.: la batteria elettronica è ottimamente programmata, ma spero vivamente che trovino un essere umano per rimpiazzarla...

One Day In Fukushima | Facebook
One Day In Fukushima | Bandcamp

Nessun commento:

Posta un commento