giovedì 10 dicembre 2015

The Mild.


Proseguo il mio viaggio all'interno della variegata scena di Venezia e zone limitrofe. Quewsta volta tocca ai The Mild, che hanno sfornato il loro Ep di debutto "Left To Starve", che a mio giudizio è stata tra le migliori uscite del 2015. Alle mie domande risponde Vanny, chitarra e voce.

Sono rimasto molto affascinato dalla copertina del primo Ep dei The Mild. Puoi spiegarmi il significato e perchè l'avete chiamato "Left To Starve"? Chi ha realizzato il disegno? Ne siete rimasti soddisfatti?
All'inizio quando dovevamo stabilire cosa mettere in copertina abbiamo fatto brainstorming e abbiamo deciso di voler unire vari elementi "naturali" come animali e piante in modo da non limitare solamente all'uomo tutto il concept che sta dietro a "Left To Starve". Eravamo affascinati da vari disegni e lavori precedenti fatti da Marco di Blumb Design ed infine l'abbiamo contattato per chiedergli se era disponibile ad aiutarci nel nostro progetto. Marco è stato gentilissimo da subito e siamo rimasti più che soddisfatti del lavoro finale.

Ho letto i testi e anche qui sono molto incuriosito da ciò che scrivi. Puoi parlarcene in dettaglio? Che tipo di concetti e pensieri vuoi esprimere attraverso di essi? Come credi possano essere recepiti da chi li legge? Possono essere interpretati in varie maniere?
Diciamo che Left To Starve è stato concepito come un concept Ep basato sull'esperienza dell'uomo di fronte alla morte che porta ad una conseguente meditazione sulla vita, vissuta in modo diverso in base a varie situazioni. Alla base di tutti i testi che scrivo c'è molta letteratura e penso che fino ad ora, a parte l'idea di concept che ho voluto sviluppare, non c'è stato un pensiero preciso attorno ad essi. Mi attira molto la possibilità di scrivere o raccontare una storia attraverso i testi che però può essere perlopiù ascoltata e capita attraverso la musica. Secondo me non è troppo semplice decifrare i vari significati stando dalla parte dell'ascoltatore e sicuramente chi li legge può interpretarli a proprio piacimento, anzi sarei curioso di sapere se qualcuno avesse un'idea personale a riguardo. Infine non ricordo come mi sia venuto in mente di chiamare il disco "Left To Starve", probabilmente mi sembrava il nome più adatto senza ragioni particolari.

Ho avuto modo di vedere il gruppo all'Iqbal di Bologna e ho constatato che on stage avete una presenza molto minimale e oserei dire "asciutta", cioè senza fronzoli. Giocate tutto sull'impatto dei vostri pezzi. Sei d'accordo?
Beh sicuramente vogliamo esprimere noi stessi attraverso i pezzi che suoniamo e magari creare una piccola atmosfera, poi io solitamente non sono una persona che fa discorsoni sul palco.

Il vostro sound è frutto dell'incrocio di un bel pò di generi musicali... Come lo descriveresti? Quali sono i gruppi che maggiormente vi hanno ispirato? E' verissimo che mescoliamo vari generi musicali, anche se questa cosa è involontaria. Ci piace improvvisare tutti assieme e scrivere i pezzi spontaneamente senza stare dentro dei limiti imposti dai vari generi e/o sottogeneri. Poi ognuno di noi ascolta generi diversi, dall'hardcore al grind, dal crustpunk al metal, forse è per questo che nelle nostre canzone c'è una fusione di varie correnti musicali. Secondo me quello che facciamo può essere descritto come un hardcore con influenze grindcore e metal, poi in varie recensioni hanno messo pure powerviolence e black metal come generi dai cui siamo influenzati. Ricordo che quando abbiamo formato la band nel Aprile 2014 ed iniziavamo a scrivere i primi pezzi, ero molto preso da Entombed, Fall Of Efrafa e EyeHateGod. Poi secondo me dobbiamo tutto ai Black Sabbath.


Recentemente la band è stata impegnata in un mini tour con i vostri amici degli Zeit! Come vi siete trovati a suonare con loro? Dove avete suonato e come siete stati accolti a livello organizzativo e di risposta del pubblico? Credete che ripeterete l'esperienza a breve?
Io conosco i ragazzi da un po' di anni ormai e ritornerei subito in tour con loro, è stata un'esperienza stupenda e divertentissima. Alla fine stare tra gli amici è la cosa più bella che ci possa essere. Siamo stati in tour dieci giorni suonandone nove tra Italia, Repubblica Ceca e Germania ricevendo una buona risposta dal pubblico. A Praga abbiamo avuto la possibilità di condividere il palco con i Birds In Row che si sono rivelati delle ottime persone e penso che sia stata la data migliore del tour. Un altro show particolare è stato quello a Olomouc, sempre in Repubblica Ceca, dove la gente è veramente matta (in senso positivo) e ci hanno fatto vivere una situazione incredibile. Comunque sicuramente condivideremo ancora il palco con gli Zeit, infatti Venerdì 15 Gennaio suoneremo entrambi all' Arcadia di Schio (Vi) assieme a Hierophant e Cioran.

Ep e Tape sono il frutto di collaborazione tra diverse e conosciute etichette. Come vi siete trovati a lavorare con loro e in che modo siete entrati in contatto con esse? In futuro ripeterete l'esperienza oppure cercherete un'unica label che vi produca?
Tutte le etichette che ci hanno co-prodotto sono state gentilissime, hanno aspettato le nostre tempistiche ed infine dobbiamo ringraziarle di cuore perchè se non fosse per loro il disco non sarebbe uscito in questi due formati. In particolare ringraziamo Alessio di Assurd Records, etichetta che conosciamo da tempo, che si è occupato di tutto il lavoro per mandare in stampa i 7''. Per il futuro non sappiamo ancora, sicuramente ci può essere un rapporto diverso con chi ti produce quando hai un'unica etichetta rispetto alla nostra situazione attuale. Secondo noi la cosa più importante è riuscire a trovare comunque almeno un'etichetta interessata al nostro prodotto, poi decideremo in base a ciò che avverrà.

Siete un terzetto. In futuro inserirete una seconda chitarra, come a suo tempo fecero i Grime per esempio? Può essere una spinta in più per sperimentare maggiormente in futuro?
Questa è una domanda difficile. Sinceramente non ci ho mai pensato seriamente, il gruppo è nato come trio e non abbiamo mai parlato di inserire un secondo chitarrista anche se può essere senza dubbio una fonte maggiore di creatività.. chi lo sa forse si, forse no. Sicuramente aggiungeremo amplificatori, quelli non bastano mai, MAI.

Fate parte di Trivel, che è un pò il motore pulsante della scena hardcore veneziana. Vi ha aiutato finora nel promuovere il gruppo? Come vi trovate all'interno di essa? Come credete potranno evolversi le cose?
Tra noi tre io do una mano ai ragazzi di Trivel Collective mentre Alfio ha collaborato in passato fino al 2014. Da poco più di un anno collaboriamo a San Donà di Piave con Youth of Today Collective dove abbiamo fatto la nostra prima data lo scorso Marzo 2015 al YOT Fest. Come band abbiamo sempre cercato di dare il 100% indipendentemente dal supporto dei collettivi veneziani o trevigiani, impegnandoci a promuovere l’ Ep con le nostre forze. Concludendo i collettivi veneziani come quelli padovani vivono di un bellissimo momento sia qualitativo che quantitativo quindi penso che la situazione non possa che migliorare in futuro.

La scena hardcore di Venezia e dintorni è tra le migliori attualmente in Italia, e forse in Europa. A parere tuo, cosa la rende così compatta e dedita? Molti hanno mosso critiche sul fatto che sia solo una cosa di facciata e che in realtà siate solo lì per divertirvi senza alcun intento politicizzato... Cosa rispondi a queste critiche?
Beh devo dire che mi ha fatto sorridere molto la risposta che hanno dato gli Hittin' Random alla stessa domanda nella loro intervista ed approvo totalmente la loro opinione.

Quali sono le mosse future della band? Per ciò che riguarda i live dove sarete impegnati prossimamente?
Ora stiamo componendo dei brani nuovi con l'intento di scrivere un lp senza però porci un limite di tempo. Ovviamente non ci vogliamo fermare con i live: mercoledì 23 Dicembre siamo al Clab di Lughignagno (TV) per il Groove Studio Party e come già detto sopra, venerdì 15 Gennaio siamo a Schio (VI) con Hierophant, Zeit e Cioran. Stiamo anche cercando di organizzarci per tornare all'estero durante l'estate e l'autunno prossimo, se volete restare aggiornati trovate tutto sul nostro profilo Facebook.

Ho finito, se ti va di aggiungere qualcosa fai pure.. Grazie.
Grazie a te!
Fuck Music, Make Noise.



The Mild | Facebook
The Mild | Bandcamp

Nessun commento:

Posta un commento